Editoriale

02.08.2021

“Chi non è schiavo al mondo? Rispondetemi a questo”. Ismaele, maestro di scuola che sceglie di imbarcarsi come marinaio, nel 'Moby Dick' di Herman Melville, riassume in queste nove parole l’eterna domanda dell’uomo: che cosa è la libertà? “Ai miei occhi le società umane, come gli individui, diventano qualcosa solo grazie alla libertà” affermava Alexis de Tocqueville.


22.07.2021

“È inutile ribadire la nostra amarezza, il nostro disappunto, la nostra aberrazione di fronte a queste notizie che, tra l’altro, non valorizzano neppure la comunità galatinese”. Non rivelerò neanche sotto tortura il nome dell’autore di questa perla letteraria. L’ho copiata dal web perché il politico(?) galatinese che l’ha concepita ha scelto di non


12.07.2021
Una squadra giovane e intrepida diventa simbolo di rinascita e di futuro

Di quelle notti in cui prenderesti tra le mani il volto di chi hai accanto per rubargli un bacio, anche senza conoscerlo. E magari una promessa: che non sia l’ultima volta che si esulta così, così da italiani, così da popolo sorridente, così da araba fenice che ha sempre ceneri da cui rinascere.
È una di quelle, di quelle notti lì, così rare e così meravigliose.


24.05.2021
L'ha scoperto Eugenio Costantini, giovane studente di medicina e fotografo galatinese. Compito dei genitori e delle Istituzioni educare al bello

A che cosa possono portare l’alienazione, la noia, la pandemia ma soprattutto l’insensibilità al bello? Le foto che pubblichiamo sono una terribile, incredibile risposta a questa inquietante domanda. Villino Congedo è (ma è meglio scrivere ‘era’) uno splendido gioiello di architettura neogotica, costruito probabilmente ai primi anni del XX secolo.


01.04.2021

L’Eucaristia è forse il più “in-credibile” fra i Misteri del Cristianesimo. L’uomo guarda un pezzo di pane ed un calice di vino e, se ha il dono della fede, vede il Corpo e il Sangue di Cristo. Fu lo stesso Gesù a istituire il Sacramento nel corso dell’Ultima Cena, “nella notte in cui fu tradito”, di quel giovedì che


01.04.2021
La voglia di ricominciare si traduce nei gesti più semplici e autentici

A guardarlo in prospettiva, il futuro non sembra avere contorni molto nitidi. Prevalgono le ombre dell’incertezza, della stanchezza, della paura. Eppure se ci sono delle ombre significa che c’è anche qualche fonte di luce che ne permette la proiezione. E quella fonte di luce, qualche volta, ce la dobbiamo creare.


22.03.2021
A Galatina la campagna elettorale è già iniziata e si assiste ai primi colpi di scimitarra fra forze politiche

“Cosciente della posizione di minoranza in cui ci troviamo (…) assolutamente io non voglio condizionare nessuno né imporre niente a nessuno; (…) la nostra presenza qui, in fondo non è principalmente politica, è essenzialmente una presenza spirituale e quindi deve essere sempre contenuta entro i limiti anzidetti di una doverosa umiltà.


25.12.2020

La preghiera di Natale scritta da San Giovanni Paolo II: "Asciuga, Bambino Gesù, le lacrime dei fanciulli! Accarezza il malato e l’anziano! Spingi gli uomini a deporre le armi e a stringersi in un universale abbraccio di pace!


12.11.2020
Un video sulla forza della musica e sull’importanza di ciò che rimane

Marta non c’è più. Ma anche quando c’era, in fondo era altrove, nell’oblio della dimenticanza. Eppure ci sono stati attimi in cui è tornata, abbracciata dalla musica che per una vita l’ha fatta essere creatura eterea. Marta C. Gonzàlez, già prima ballerina del New York City Ballet, si è data alla danza per oltre cinquant’anni.


15.10.2020
Pochi minuti di pioggia trasformano la strada in un fiume in piena

“Sono bastati pochi minuti di pioggia e via Montegrappa si è trasformata in un fiume in piena”. Il messaggio arriva via whatsapp ed è accompagnato da due foto ed un video. Dopo la lettera di qualche giorno fa, quella di ieri è stata l’ennesima testimonianza-denuncia arrivata a galatina.it.


11.08.2020
A cinque anni dalla scomparsa è ancora vivo il ricordo dell'"Artigiano di cultura" caro anche a Mario Capanna

“Ora, una volontà che ho educato con amore d’artista, sosterrà due gambe molli e due polmoni stanchi. Riuscirò” (Ernesto Che Guevara). Lì, in piedi, fiero come un condottiero, Andrea Ascalone sembra quasi “presidiare” il suo vecchio forno, e controllare, attimo dopo attimo, la giusta cottura dei pasticciotti, la giusta doratura delle sue più famose creature. Con dedizione, pazienza e fatica,


09.08.2020
Il Comune di Galatina è in pre-dissesto finanziario. Sembra che tale situazione spesso venga “distrattamente” dimenticata da chi non vuole averne memoria o consapevolezza

Il Comune di Galatina è in una situazione di PRE-DISSESTO FINANZIARIO cioè ha accumulato nei tempi passati un debito enorme che rischia di uscire fuori controllo ma che, fortunatamente negli ultimi anni, sembra aver preso la giusta direzione con il dichiarato apprezzamento della Corte dei conti. Tale stato di fatto, costringe chi amministra la Città ad una gestione finanziaria limitatissima che rende impraticabile il ricorso ad ulteriore debito


27.06.2020
Nuova illuminazione per la Chiesa nel cuore di Galatina
Chiesa Madre © foto di Giorgia Amante

Madre, lasciati guardare, anche da chi di solito non ti vede. Riempiti di luce e gioca con l’ombra, perché il mistero che racchiudi possa rimanere tale ed essere scoperto solo dagli animi che vogliono oltrepassare davvero la tua soglia.


17.06.2020
Lo strazio per la morte della povera quindicenne che ha perso la vita domenica sera a Lecce

C’è stata una volta un’eclissi di Luna senza ritorno, un’ombra perpetua che al cielo ha tolto per sempre quel bottone lucente. Ma in realtà al cielo non ha tolto nulla, anzi. Gli ha donato per sempre un astro visibile solo da quell’altrove che per noi è mistero incomprensibile.


15.05.2020
"E in questo fazzoletto di Italia, pure qua, da Galatina, partono parole volgari contro Silvia, inspiegabilmente serena"

Era scritto. Non le avrebbero mai perdonato di essere una donna, di scendere dall’aereo con un sorriso radioso, di non maledire l’Islam, il Paese che l’ha sottratta alla sua famiglia, di non pronunciare immediatamente parole compiacenti verso il Governo, di indossare il velo. Meglio triste, emaciata, di una sofferenza televisiva, sfacciata, evidente, purchè in un paio di jeans.


25.04.2020

«Nella primavera del 1945 l’Europa vide la sconfitta del nazifascismo e dei suoi seguaci. L’idea di potenza, di superiorità di razza, di sopraffazione di un popolo contro l’altro, all’origine della seconda guerra mondiale, lasciò il posto a quella di cooperazione nella libertà e nella pace e, in coerenza con quella scelta, pochi anni dopo è nata la Comunità Europea. Oggi celebriamo il settantacinquesimo anniversario della Liberazione,


19.04.2020
Angelo Coluccia, ingegnere galatinese, è professore associato di Telecomunicazioni presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione, Università del Salento

È doveroso porsi delle domande sul progresso e sulla tecnologia, in particolare (ma non solo) riguardo a possibili effetti sulla salute; il caso del momento riguarda l’aggiornamento dei sistemi cellulari al nuovo standard “5G”. L’obiettivo di questa evoluzione[2] non è solo aumentare la capacità di trasferire grandi quantità di dati in poco tempo, bensì consentire applicazioni non realizzabili


14.04.2020
Covid-19, l'isolamento e la fantasia

La osservavo da venti minuti. Passava con cadenza regolare davanti alla mia finestra. Completo sportivo nero, capelli raccolti e un terrazzo a sovrastare il mondo del silenzio a cui abbiamo delegato le nostre attese.


08.04.2020

Quanti cappelli ha il Sindaco di Galatina? La domanda ha cominciato a frullarmi nella testa dopo aver letto su noha.it (l’ottimo sito curato da Albino Campa) un comunicato stampa di Giampiero De Pascalis dal titolo “Amante faccia cose concrete per l’ospedale: basta bufale” dove, in sostanza, il consigliere di minoranza accusa Marcello Amante di essersi preso l’ennesimo merito che non


01.04.2020
Due infermieri e un’infermiera del Reparto Malattie Infettive di Galatina positivi al COVID-19

Se ti viene da piangere, fallo. In quelle lacrime c’è la fragilità di una donna forte. E noi di te amiamo la caparbietà, la professionalità, il modo incredibile con cui ti prendi cura di tutto e di tutti, ma ci aspettiamo anche il momento in cui la croce ti fa piegare le ginocchia ed è in quell’istante che siamo tutti accanto a te, a stringerti nell’abbraccio della gratitudine, capace di farsi sentire anche da lontano.


Pagine

Subscribe to Editoriale