Galeotto fu il virus o la distrazione?

Caro direttore, ho  letto questa mattina con un po' di stupore la risposta che lei ha dato all'autore dell'articolo riguardante il presunto disinteresse da parte dell'Amministrazione comunale sulla politica energetica e ambientale. Non voglio entrare in merito ai contenuti dell'articolo nei riguardi dei quali sarà mia diligenza sollecitare gli assessori di competenza ad intervenire.

I silenzi di Palazzo Orsini
Buongiorno direttore,scrivo questa mia missiva perché vorrei sapere come mai Galatina, che si fregia dell’importante titolo di terza città della provincia dopo Lecce e Nardò, pensa ed agisce come un anonimo paesino di montagna. Mi riferisco alle cose non fatte, soprattutto per il settore ambiente. Il 15 febbraio si celebra in tutta Italia la Giornata del Risparmio Energetico per una razionalizzazione dei consumi energetici. Come mai Galatina, a detta di molti “città ambientalista” non ha organizzato alcuna iniziativa?
112 o 113? Dopo le 21 questo è il dilemma a Galatina

Caro Dino, tra domenica e lunedì scorsi, ho trascorso una notte assurda. Un allarme, appartenente ad un Fiat Panda parcheggiata in prossimità della mia camera da letto, ha tenuto sveglio tutti il vicinato con la sua sirena che incessantemente ha disturbato dalle ore 01.30 sino alle 07.30 del mattino. La prima cosa che ho fatto, dopo essermi accertato che non fosse l'auto di un vicino, è stata quella di chiedere l'intervento alle forse dell'ordine, le quali dalla targa sarebbero risalite facilmente al proprietario.

Dalla legge eterna al diritto naturale e politico

Cicerone  definì  l’ uomo: “ un animale socio-politico”, essendo per natura, capace di instaurare e gestire, rapporti di cooperazione complementare con i suoi simili nella società. L’ uomo nell’ interazione sociale si pone dei principi come regola, sviluppando così una polis formata da famiglie, costituenti  di una società civile: lo Stato;  cosicché il cittadino,  si può confrontare  e realizzare, attraverso le norme vigenti.

Le rivoluzionarie 'Ceneri' di Benedetto XVI

Le Ceneri, eccoci all’inizio della Quaresima. Certo a Natale non potevamo immaginare che avremmo festeggiato la Pasqua con la benedizione di un papa che non fosse Benedetto XVI. Il Santo Padre rinuncia. Compie un atto a dir poco rivoluzionario, alla faccia di chi crede la Chiesa immobile nelle sue posizioni consolidate nei secoli, avversa ad ogni cambiamento, lontana dal mondo e fuori dal tempo.

Giovanni Stendardo premiato panettiere galatinese

Gentile Dottor Valente, da tempo desideravo scrivere alla redazione di Galatina.it per manifestare il mio apprezzamento per il servizio da Voi svolto, particolarmente utile per chi, come me, vive lontano dalla nostra bella cittadina. A spingermi a farlo è stata una gradita sorpresa: trovare, nella rubrica “Radici”, e precisamente nell’eccellente resoconto del Prof.

Ci de speranza campa disperatu more

Caro Dino, ho letto sul giornale una notizia a dir poco preoccupante! Nel report diffuso dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli è scritto che gli italiani nel 2012 hanno speso nei giochi online (tra scommesse, poker, casinò online e altri giochi) ben 749 "MILIONI" di euro. Alla faccia della crisi! Dati in forte crescita se si pensa ai 14,5 milioni in più rispetto al 2011 con un aumento del 1,9 %.

Rosso tramonto

La ricerca di un oggetto importante da regalare, mi portò in giro per negozi. Ci tenevo al regalo e prima di sceglierlo volevo guardare un po’ in giro. La ricerca mi portò in un paese vicino, le vetrine, le luci e un lusso imbarazzante fecero  il resto. Entrai di pomeriggio che avevano appena aperto e fui accolto con saluti e sorrisi. Mi venne incontro una commessa, si e no 20 anni, non più alta di un metro e 80, elegante e raffinata. Il mio imbarazzo raggiunse il massimo quando guardandomi intorno mi accorsi che non era neanche la più bella.

"Noi concediamo il megaparco e Pantacom ci sistema l'area mercatale"

Gent.mo dr. Cosimo Montagna, Sindaco della Città di Galatina,   seguo da alcuni anni il dibattito relativo alla realizzazione di un Centro commerciale in località Cascioni le cui caratteristiche  hanno subito nel tempo varie modifiche fino al notevole ridimensionamento avvenuto durante l’Amministrazione Antonica e fino al programma attuale di cui, da quanto apprendo dai media, neppure la stessa Amministrazione della Città conosce con chiarezza la portata.

Mi ritorni in mente

Lo vidi per la prima volta in TV che era al Festival di Sanremo. Correva l’anno 1969. Foularino annodato al collo, riccioli neri e doppiopetto blu, cantava “UN’AVVENTURA” ed era ancora in bianco e nero. Era LUCIO BATTISTI. Non smisi più di “seguire” la sua vita e i suoi successi in fila uno dopo l’altro.  Lo seguii ininterrottamente anche quando la sua fama cominciò ad appannarsi, quando cambiò musica e autori, quando ormai il meglio di sé, l’aveva già consegnato alla storia della musica.