COVID-19. "Puglia in giallo ma non è un liberi tutti"

Lopalco invita alla prudenza. Le vaccinazioni nel Salento. Saranno aperte da lunedì 10 maggio le prenotazioni delle vaccinazioni anticovid per la fascia 59-50 anni. 870 casi positivi in regione, 172 in provincia di Lecce

“L’ordinanza del ministro Speranza che inserisce la Puglia nella “zona gialla” da lunedì 10 maggio non è un invito al “liberi tutti”. Lo dichiara l’assessore alla Sanità, Pier Luigi Lopalco. “Dovremo continuare a mantenere tutte le cautele, evitando gli assembramenti che in ogni caso restano vietati, igienizzando le mani, usando le mascherine e mantenendo la distanza in ogni luogo, aperto o chiuso che sia. La circolazione del virus resta alta e la pressione sulle strutture sanitarie è ancora pesante. Non dobbiamo sprecare l’opportunità di tornare al più presto alla normalità, grazie anche alla campagna vaccinale e all’avvicinarsi della stagione estiva. Diversamente ci sarebbe un brusco risveglio, con l’inevitabile ritorno alle restrizioni”.

Le vaccinazioni nel Salento
Prosegue la vaccinazione antiCovid nella ASL Lecce. 5402 le dosi inoculate nella sola giornata di giovedì. 268.997 le dosi di vaccino somministrate finora in totale, di cui 207.729 prime dosi, 58.514 seconde dosi e 2.754 monodose. Sono 89366 le dosi - di cui 53300 prime dosi - quelle somministrate agli ultra80enni. Mentre sono 64884 le dosi - di cui 60985 prime dosi - quelle somministrate alle persone appartenenti alla fascia 79/70. 30689 - di cui 26410 prime dosi - le dosi somministrate a persone vulnerabili per patologia; 12884 - di cui 11395 prime dosi - quelle ai caregiver.
Proseguono le vaccinazioni ad opera dei Medicina generale generale: 25505 quelle eseguite finora.

Saranno aperte da lunedì 10 maggio le prenotazioni delle vaccinazioni anticovid per la fascia 59-50 anni, a partire dai 59enni in ordine progressivo per età, come da indicazioni del Commissario straordinario per l’emergenza covid. La campagna vaccinale delDalla Puglia si articola dalla prossima settimana su più livelli: priorità ai cittadini con fragilità che vengono vaccinati da medici di medicina generale e centri di cura specialistici; somministrazione delle seconde dosi nei tempi previsti dalle circolari ministeriali; completamento delle fasce over60 negli hub e centri vaccinali; avvio delle prenotazioni dai 59 ai 50 anni, gradualmente in ordine di età.
La platea dei pugliesi di età compresa tra i 59 e i 50 anni che devono ancora ricevere la prima dose di vaccino è di 469.832 persone. I 59enni sono 40.066, i 58enni 43.067, i 57enni 43.543, i 56enni 44.636, i 55enni 49.683, i 54enni 49.445, i 53enni 49.630, i 52enni 50.047, i 51enni 49.794 e i 50enni 49.921. In linea con quanto stabilito a livello nazionale dal Commissario straordinario per l’emergenza covid, da lunedi 10 maggio saranno avviate le prenotazioni per le vaccinazioni dei 59enni, con criteri di gradualità e ferma restando la priorità per coloro che presentano comorbidità.
Le modalità di prenotazione saranno comunicate entro domenica.

La situazione dei contagi in Puglia
Venerdì 7 maggio 2021 in Puglia, sono stati registrati 11.686 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 870 casi positivi: 221 in provincia di Bari, 95 in provincia di Brindisi, 100 nella provincia BAT, 163 in provincia di Foggia, 172 in provincia di Lecce, 117 in provincia di Taranto, 3 casi di residenti fuori regione, 1 caso di provincia di residenza non nota è stato riclassificato e attribuito. Sono stati registrati 20 decessi: 4 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 3 in provincia BAT, 6 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 4 in provincia di Taranto. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 2.297.340 test. 190.368 sono i pazienti guariti. 44.637 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 241.062 così suddivisi: 92.003 nella Provincia di Bari; 23.894 nella Provincia di Bat; 18.245 nella Provincia di Brindisi; 43.394 nella Provincia di Foggia; 24.515 nella Provincia di Lecce; 37.871 nella Provincia di Taranto; 772 attribuiti a residenti fuori regione; 368 provincia di residenza non nota. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Sabato, 8 Maggio, 2021 - 00:07