Violenta tromba d'aria si abbatte sulla zona industriale Galatina-Soleto. Danni ingenti

Un’impressionante, violenta tromba d’aria ha attraversato da est ad ovest, intorno alle ore 4:45 di questa mattina la zona industriale di Galatina – Soleto lungo l’asse che attraversa il semaforo della ex-provinciale 362. A giudicare dagli effetti dell'azione distruttrice, il terribile vortice è partito dall’officina Volvo, ha saltato il nuovo stabilimento Zincogam, per piombare sulla fabbrica Giurgola, ha distrutto poi il semaforo e le telecamere sull’incrocio ed ha concluso la sua corsa distruttrice nella direzione del deposito dell’autodemolitore Coluccia, toccando anche Edilpark e Manco ventilation. Ha cominciato a perdere forza in località Spallaccia dove ha danneggiato alcune villette e sdradicato numerosi alberi. 
“Sono stati quindici secondi di paura. Era buio e si sentiva solo un enorme frastuono” -racconta un operaio che era già al lavoro nella zincheria. Lo spettacolo di devastazione che si è presentato alle prime luci dell’alba a chi ha raggiunto la zona ha fatto subito capire che i danni erano stati rilevanti. Una parte del magazzino di Giurgola è crollata. I serbatoi sono sparsi nel raggio di oltre 100 metri. Il gabiotto dei carrelli di Mio è stato divelto e spostato insieme ai carrelli. Un pesante container di Coluccia è stato sollevato e rovesciato.
Allertati dagli allarmi provenienti dalle aziende della zona sono intervenuti immediatamente gli agenti della Fidelpol e della Polizia di Galatina, i Vigili urbani e i Carabinieri di Soleto. Le squadre dei Vigili del Fuoco di Maglie stanno mettendo in sicurezza l’opificio particolarmente colpito e tutto il territorio circostante.

Ore 10
È iniziata l'opera di ripristino della segnaletica stradale a cura degli uomini della Polizia Locale di Soleto diretti dal comandante Gaetano Congedo. Sul posto da alcune ore  è presente anche il sindaco Graziano Vantaggiato. "Nella sfortuna siamo stati fortunati perché non ci sono state né vittime né feriti - dice il Primo Cittadino. I danni per le aziende colpite sono ingenti e si aggiungono a quelli già rilevanti dovuti alla pandemia. Voglio ringraziare tutte le Forze dell'ordine di Soleto e Galatina, intervenute prontamente e tutti i volontari della Protezione civile, anche quelli dei paesi vicini, che da subito si sono messi a nostra disposizione per tutte le attività necessarie".

Le aziende interessate hanno anche cominciato a recuperare i materiali disseminati dalla tromba d'aria tutto intorno ai loro opifici. 


Venerdì, 4 Dicembre, 2020 - 08:22

Galleria