"L'ospedale di Galatina non diventi ora un Lazzaretto per poi sparire!"

Il Comitato #UNITISIVINCE scrive ad Emiliano, Lopalco ed ai Sindaci del Distretto

In occasione della donazione del Robot Pepper da parte del Comitato #UNITISIVINCE all’Unità Operativa Complessa di Malattie Infettive dell’Ospedale di Galatina, avvenuta in maggio, durante la prima ondata pandemica, il Direttore dell’ASL di Lecce, Dott. Rollo, assicurava l’importanza dell’Ospedale Santa Caterina Novella in quanto sarebbe stato riqualificato con alcune specializzazioni di alto livello come la Riabilitazione.
Poi con riferimento alla pandemia in atto l’Ospedale di San Cesario sarebbe diventato COVID mentre Galatina, dotato dell’alta specialità di Malattie Infettive, sarebbe divenuto un “piccolo Spallanzani”.
Le vicende attuali della sanità locale sono note: San Cesario non è COVID mentre lo è il Santa Caterina Novella. I cittadini dell’ intero Distretto socio-sanitario che fa capo al Santa Caterina Novella di Galatina, tramite il Comitato #UNITISIVINCE, non possono più tollerare che l’Ospedale passi da centro specializzato per malattie infettive a nosocomio destinato ai pazienti colpiti dal virus COVID 19, con la prospettiva che diventi ora un Lazzaretto per poi sparire!
Il Comitato#UNITISIVINCE dice basta alla logica dell’ “usa e getta” adottata dalla Regione Puglia per utilizzare al meglio-si fa per dire-il Santa Caterina Novella! I Sindaci del Distretto socio-sanitario di Galatina bene han fatto, anche se tardivamente, a manifestare la contrarietà alla scelta operata dalla Regione di individuare Galatina come Ospedale Covid.
Quanto ad impegni assunti il Direttore Generale Rollo non può aver dimenticato le rassicurazioni date ai cittadini del Distretto in occasione della cerimonia della donazione del Robot Pepper da parte del Comitato #UNITISIVINCE.
I Cittadini di Galatina rappresentati dal Comitato #UNITISIVINCE CHIEDONO Che l’Ospedale Santa Caterina Novella di Galatina, nel corso e dopo la destinazione ad Ospedale COVID, sia un luogo di cura sicuro e potenziato assicurando: -la presenza di percorsi separati, spazi e personale dedicati nelle cure prestate nella struttura ospedaliera ai pazienti COVID (aree COVID dedicate), a tutela del personale sanitario e parasanitario, di tutti gli operatori e dei pazienti; -l’eccellenza all’Unità Operativa Complessa di Malattie Infettive tale da essere punto di riferimento per la Provincia di Lecce ed oltre; -l’eccellenza all’Unità Operativa Complessa di Riabilitazione, già in essere, al fine di garantire una continuità nella cura dei disabili della provincia di Lecce; -l’assegnazione dei posti di terapia intensiva e sub-intensiva destinati al potenziamento di Unità Operative Complesse o Semplici quali Cardiologia, Medicina, Pneumologia, Radiologia e Ortopedia; -il mantenimento, la riorganizzazione e il potenziamento dei servizi del Distretto Socio-sanitario e del Centro Prelievi di Galatina, al fine di garantire la continuità nell’esecuzione delle prestazioni ambulatoriali, già in chiaro ritardo dopo la prima ondata epidemica. -la dotazione di un Termo-scanner all’ingresso dell’ospedale per rendere più rapida ed efficace l’operazione di triage operato dal personale già presente e garantendo un afflusso dei pazienti nell’Ospedale in maggiore sicurezza.
Galatina ,17 Novembre 2020
Il Presidente del Comitato #UNITISIVINCE
Avv. Vincenzo Specchia

Mercoledì, 18 Novembre, 2020 - 08:29