COVID-19. Scendono a 221 i nuovi contagiati pugliesi (17 nel Salento) ma i tamponi sono stati solo 1748. Ha 94 anni la prima vaccinata di Puglia

Domenica 27 dicembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 1748 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 221 casi positivi: 129 in provincia di Bari, 25 in provincia di Brindisi, 16 nella provincia BAT, 8 in provincia di Foggia, 17 in provincia di Lecce, 23 in provincia di Taranto, 3 residenti fuori regione. Sono stati registrati 12 decessi: 2 in provincia di Bari, 5 in provincia BAT, 1 in provincia di Brindisi, 2 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Taranto.
Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 1.008.542 test. 30.454 sono i pazienti guariti. 53.638 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 86.439, così suddivisi: 33.341 nella Provincia di Bari; 9.942 nella Provincia di Bat; 6.251 nella Provincia di Brindisi; 19.112 nella Provincia di Foggia; 6.695 nella Provincia di Lecce; 10.520 nella Provincia di Taranto; 497 attribuiti a residenti fuori regione; 81 provincia di residenza non nota. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.
Il V-day in Puglia
Villa Giovanna, ore 9.52,  la signora Maria Caldarulo 94 anni è la prima donna ospite di una Rsa ad essere vaccinata in Puglia. “Sono felice - dice la signora Maria emozionata - e spero che tutti facciano il vaccino: è importante per proteggerci”. In uno dei luoghi simbolo della lotta al Covid - tra le residenze per anziani più colpite della prima fase della pandemia; - questa mattina sono partite le vaccinazioni: assieme alla signora Maria altri 29 ospiti sono stati vaccinati.
La signora Caldarulo è stata la prima ospite di Villa Giovanna ad aver firmato il consenso per sottoporsi alla vaccinazione anti covid.
“Oggi a Bari vediamo il sole - ha detto il dg Asl Bari, Antonio Sanguedolce - siamo partiti da una Rsa e simbolicamente dagli ambulatori Covid Free dell’ospedale Di Venere. È una giornata di svolta e spero che tutti gli operatori sanitari diano l’esempio nei prossimi giorni”.
I vaccini, scortati dalla polizia, sono arrivati all’interno della struttura residenziale Villa Giovanna alle 9.30 e affidati agli operatori del Dipartimento di prevenzione della Asl. Le dosi sono state ricostituite in un’area dedicata in massima sicurezza per poi essere somministrate agli ospiti della Rsa.

 

Lunedì, 28 Dicembre, 2020 - 00:06

Galleria