Luigi Derniolo: "Lo scalo di Surbo e l’aeroporto di Brindisi sono opere strategiche per le aziende"

Collegamenti veloci ed efficienti. È questo l’obiettivo fissato da Confartigianato Lecce che interviene nel dibattito sul nodo trasporti e infrastrutture del Salento. L’associazione di categoria propone una lista di interventi da realizzare in tempi celeri anche grazie ai fondi inseriti nella Legge di Bilancio 2021, che prevede stanziamenti mirati al potenziamento delle infrastrutture e trasporti, in particolare quello ferroviario, aereo e marittimo. Misure di forte interesse per gli artigiani e le piccole imprese del Salento. «Il provvedimento contiene misure utili alla ripartenza economica e può rappresentare un’occasione per il Salento per uscire dall’isolamento – afferma il presidente di Confartigianato Lecce Luigi Derniolo -. Questa finanziaria deve essere sfruttata dalla politica regionale per intraprendere azioni di sviluppo del trasporto locale. Abbiamo il dovere di promuovere le eccellenze dei prodotti artigiani, accompagnando le imprese sui mercati esteri con iniziative mirate proprio a potenziare le infrastrutture». In particolare, Confartigianato Legge sottolinea la necessità di concretizzare le misure contenute nella manovra per procedere in tempi brevi alla riapertura dello scalo ferroviario di Surbo e a un potenziamento dei voli a costi contenuti sull’aeroporto di Brindisi.
«Lo scalo di Surbo e l’aeroporto di Brindisi sono opere strategiche per le aziende, trampolini di lancio per esternalizzare i nostri prodotti a livello europeo e mondiale – sottolinea Derniolo -. Sulla riapertura dell’hub ferroviario di Surbo, il Salento paga un ritardo di 20 anni che non si può più accettare. In questo senso, l’incontro con l’assessore regionale alle Attività produttive Alessandro Delli Noci è stato senza dubbio un primo passo utile. Il rilancio industriale del nostro territorio passa dalla rinascita dello scalo merci di Surbo su cui bisogna intervenire con un progetto serio da realizzare in tempi chiari. Il potenziamento delle infrastrutture deve passare anche per un rilancio dell’aeroporto di Brindisi. Fin dai primi mesi di emergenza sanitaria, le aziende salentine hanno dovuto fare i conti con una forte riduzione dei collegamenti da e per l'aeroporto del Salento. I fondi della legge finanziaria devono essere sfruttati, quindi, per risolvere il problema del gap infrastrutturale messo in luce proprio dalla pandemia da Covid-19. In questo senso, non meno importante, anche il porto di Taranto che può essere un importante sbocco per l’Oriente, un punto di riferimento non solo per le imprese del Sud ma anche per il resto del Paese». «L’incapacità di essere celeri nel far arrivare il prodotto nel mercato di riferimento incide nell’attività di contrattazione dell’impresa – conclude il presidente Derniolo -. Se una azienda salentina impiega una settimana per far arrivare a destinazione il suo prodotto, con costi maggiori rispetto ad altre realtà, è evidente che sarà automaticamente tagliata fuori dal mercato. Non si tratta di ipotesi future, questo è un problema reale con cui le piccole attività devono fare i conti ogni giorno».

Domenica, 10 Gennaio, 2021 - 00:04