La Puglia condanna l'assalto alla sede nazionale della Cgil

I Circoli del Partito Democratico di Galatina e Noha: "Il fascismo non passerà". Emiliano interviene al presidio di Lecce. Solidarietà da Giannetto e dalla Direzione Asl Lecce

I Circoli del Partito Democratico di Galatina e Noha condannano il vile attacco alla sede nazionale della CGIL ed esprimono partecipazione e solidarietà. L’attacco squadrista da parte di Forza Nuova e dei NOVAX alla più grande organizzazione sindacale europea, in cui si riconoscono milioni di lavoratrici e lavoratori, rappresenta un atto intimidatorio nei confronti di chi ha sempre difeso i valori della libertà e della democrazia, accanto alle persone più deboli e bisognose. Un atto proditorio, organizzato da quelle forze oscurantiste che fanno riferimento agli anni bui del ventennio fascista, in cui le libertà democratiche furono cancellate, gli oppositori perseguitati e condannati al carcere duro e a lunghi anni di confino. In Italia non c’è posto per i nostalgici di un periodo della vita sociale del nostro Paese che la storia ha condannato, contro il quale combatterono e morirono migliaia di partigiani, donne e uomini. Nel rispetto delle norme antivirus, il Partito Democratico invita iscritti, militanti e cittadini a partecipare a tutte le iniziative che sono e saranno organizzate nei prossimi giorni, a quella organizzata da CGIL- CISL- UIL per Sabato 16 Ottobre a Roma, per dire NO alla violenza e alla sopraffazione, per gridare con forza “IL FASCISMO NON PASSERA’”.

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha portato oggi la sua solidarietà alla Cgil intervenendo al presidio organizzato nella sede di Lecce: “La posizione che tutti dobbiamo assumere è questa - ha detto Emiliano - Forza nuova e Casapound vanno sciolte perché sono organizzazioni neofasciste con le quali non si può più ragionare e bisogna assolutamente applicare le leggi. Da oggi comincia una mobilitazione istituzionale. La Regione Puglia come istituzione chiederà prima al consiglio regionale, poi al governo, poi al prefetto, al ministro degli Interni di agire con assoluta durezza applicando la legge esistente. E voi sapete che noi quando diciamo una cosa poi la facciamo”. Emiliano nel ribadire che “siamo per i vaccini, noi siamo per spingere le persone a vaccinarsi, anche attraverso alcune regole severe” ha anche auspicato che il presidente Draghi prenda una posizione dopo che “giornalisti coraggiosissimi hanno provato con documenti e filmati alla mano che ci sono forze politiche che giocano su un doppio binario e persino forze politiche che fanno parte del governo in parte sono legate a questi gruppi. Questo governo ha avuto davanti agli occhi una rappresentazione di ciò che accadde in Italia nel ‘22, dì ciò che accadde a Bari alla Casa del lavoro, quando Dì Vittorio e sua moglie la difesero con le armi in pugno dopo la marcia su Roma. Io farò dì tutto per quelle che sono le mie energie perché il governo prenda una decisione forte. Il Partito Democratico ha preso una posizione netta. Letta ha oggi chiesto lo scioglimento dì Forza Nuova e ovviamente automaticamente anche di Casapound. Perché non vedo nessuna differenza tra queste due formazioni e noi combatteremo per questo risultato”.

"A nome mio e di tutta l'organizzazione che rappresento -scrive Salvatore Giannetto, Segretario generale UIL Lecce- esprimo solidarietà e vicinanza alla Cgil per il vile e vergognoso attacco squadrista subìto nella sede nazionale". Lo dichiara il segretario generale della Uil di Lecce Salvatore Giannetto, che questa mattina ha partecipato al presidio organizzato nella sede Cgil di Lecce. "Verso tutte le formazioni neofasciste - prosegue - dobbiamo essere duri e far rispettare la Costituzione che ne prevede lo scioglimento. Quanto accaduto è vergognoso ed ingiustificabile. Bisogna reagire subito, sempre uniti e compatti. Cgil, Cisl e Uil scenderanno in piazza sabato prossimo a Roma. Ci auguriamo che tutti i cittadini e le forze sane e democratiche del Paese siano con noi".

La Direzione generale della Asl Lecce esprime solidarietà e vicinanza alla CGIL nazionale e provinciale. Assumere quale pretesto il green pass per attaccare con violenza un sindacato che, con la ripartenza, si è distinto, ponendo all’attenzione nazionale la tutela della vita e della salute negli ambienti di lavoro, è un atto disdicevole. La Direzione generale condanna altresì l’assalto al Pronto Soccorso dell'Ospedale Umberto I di Roma e la violenza contro gli operatori sanitari impegnati in prima linea nella tutela della salute.

Domenica, 10 Ottobre, 2021 - 17:39

Galleria