Le cinque migliori tesi in ambito infermieristico in provincia di Lecce

Cinque sono state le migliori tesi premiate in ambito infermieristico: è l’esito del 10° concorso provinciale OPI denominato: “Premiazione e divulgazione della cultura infermieristica” bandito dal OPI di Lecce. Era riservato a tutti gli studenti neo-laureati (Infermieri e Infermieri Pediatrici) che hanno discusso la tesi nel periodo compreso fra ottobre 2020 e maggio 2021. Il lavoro di Tesi presentato doveva essere originale, inedito e rispondere ai requisiti del metodo scientifico. I partecipanti dovevano essere iscritti all’OPI della provincia di Lecce. I cinque vincitori sono stati premiati nel corso della cerimonia di discussione delle tesi, sessione autunnale sede polo del Salento di Lecce, che si è tenuta il giorno 24 novembre u.s. presso il Polo Didattico dell’ASL di Lecce dal presidente Marcello Antonazzo, dal Coordinatore del Consiglio di Interclasse BR-LE-Tricase prof.ssa Anna Maria Sardanelli, dal prof. Nicola Brienza, dal Coordinatore delle Attività Teorico Pratiche Corso di Laurea in Infermieristica di Lecce Dott. Cosimo Caldararo e dai Consiglieri OPI di Lecce Antonio Negro e De Vito Giuliana. “Il concorso, giunto alla sua decima edizione, ha voluto mettere a confronto – spiega il dott. Antonazzo– i migliori progetti di tesi in campo infermieristico. La Commissione ha premiato, tenendo conto dei seguenti aspetti:  pertinenza allo specifico professionale;  la validità scientifica;  qualità della revisione bibliografica;  la rigorosità del metodo applicato;  l’originalità;  qualità dell’analisi statistica  la spendibilità nella prassi infermieristica o l’operatività di strumenti proposti. Il primo premio è andato alla tesi realizzata dall’Infermiera Negro Chiara dal titolo:“Gestione infermieristica del paziente ventilato: prevenzione e trattamento delle eventuali complicanze”; il secondo classificato è una tesi di Ciccarese Benedetta dal titolo: “Gestione infermieristica del paziente ventilato: prevenzione e trattamento delle eventuali complicanze”; il terzo riconoscimento è andato a D’Elia Serena che ha presentato una tesi dal titolo: “Le nuove frontiere del nursing correlato al trattamento innovativo della valvulopatia aotica percutanea: studio osservazionale retrospettivo”; il quarto lavoro è stato aggiudicato a Capoccia Valeria con una tesi dal titolo:“ Nursing del paziente in posizione prona affetto da insufficienza respiratoria acuta” ed infine il quinto premio è stato attribuito a Conte Marika con un lavoro di tesi dal titolo: “Assistenza infermieristica al paziente con ecmo. degenza in terapia intensiva”. I vincitori hanno ricevuto in premio dall’OPI delle somme in denaro; rispettivamente di:  Primo classificato € 600  Secondo classificato € 400  Terzo classificato € 200  Quarto classificato € 200  Quinto classificato € 200 Ai vincitori verranno da subito stanziate il 50% delle somme previste, mentre la restante parte del premio sarà erogata solo se il candidato pubblicherà il suo lavoro su una rivista d’interesse professionale. Il significato di questi premi, rappresentano, in sintesi, la possibilità di incoraggiare i giovani talenti in campo infermieristico, per scommettere sulla forza della motivazione e delle competenze individuali e poter trasferire i risultati della ricerca nel campo clinico assistenziale. Un Nursing basato sui risultati della Ricerca contribuisce a migliorare gli outcomes assistenziali rispondendo in modo Evidence Based alle richieste di assistenza dei pazienti, della sua famiglia e della intera comunità. Visto il successo del concorso in termini di partecipazione e di sperimentazione, l’OPI leccese ha inteso bandirlo e finanziarlo anche per il 2022.

Sabato, 4 Dicembre, 2021 - 00:04

Galleria