Un terribile vento semina distruzione nel territorio di Galatina

“Una tromba d'aria ha distrutto tutto. Non possiamo nemmeno uscire da casa perché un albero è caduto sul viale, un’intera pineta è stata sradicata, pali della corrente elettrica buttati giù e tutta la zona è senza energia elettrica. Alberi e materiale di tutti i generi in mezzo alla strada è impossibile passare”. Questa è solo una delle tante testimonianze apparse ieri sera su facebook dopo che, intorno alle ore 19:30, un violento vento da sud ha cominciato a seminare distruzione in tutto il territorio di Galatina.
Almeno una ventina di pini sono caduti sulla carreggiata della Noha-Collepasso ostruendola completamente. Anche la tangenziale è stata invasa dagli alberi abbattuti. Nel centro abitato galatinese, a partire da piazzetta Lillo e per tutto il Rione Italia, il vento ha sradicato alberi e distrutto cornicioni e comignoli.
Questa mattina anche tutta la zona del cimitero appare devastata. Il viale di ingresso è ostruito. La via dell’ex-Villaggio Azzurro è in buona parte invasa dai rami e dagli alberi.
Immediato è stato ieri sera l’intervento dei volontari del Nucleo di Protezione Civile di Galatina, guidati da Vito Murrone. Il Sindaco, Marcello Amante, ha ispezionato tutte le zone colpite dal ‘tornado’ ed è rimasto sul campo fino a tarda notte. All’opera di messa in sicurezza hanno partecipato, oltre ai Vigili del Fuoco, tutte le forze dell’ordine: dalla Polizia Locale ai Carabinieri, alla Polizia di Stato.
Le operazioni di sgombero delle carreggiate non portate a termine ieri notte sotto la pioggia sono riprese questa mattina ed andranno avanti per tutta la giornata.

Lunedì, 7 Dicembre, 2020 - 09:35

Galleria