Con il progetto “Ria(ni)miamo la nostra scuola” il Polo 3 di Galatina vince il concorso nazionale “La RCP secondo noi” e si aggiudica un defibrillatore automatico esterno

Italian Resuscitation Council, società scientifica accreditata dal Ministero della Salute e associazione senza scopo di lucro che riunisce medici e infermieri esperti in rianimazione cardiopolmonare, donerà tre defibrillatori automatici esterni (DAE) alle tre scuole italiane (fra cui il Polo 3 di Galatina) che hanno presentato i progetti migliori di formazione e sensibilizzazione sulla rianimazione cardiopolmonare (RCP), partecipando al concorso “La RCP secondo noi” indetto da IRC nel 2019.
La proclamazione dei vincitori avviene in occasione della settimana VIVA! che IRC promuoverà tra il 12 e il 18 ottobre, dedicata alla sensibilizzazione sul primo soccorso e alla rianimazione cardiopolmonare. Il concorso indetto da IRC per gli studenti ha voluto sottolineare la necessità di introdurre a scuola la formazione obbligatoria sul primo soccorso e le manovre salvavita (massaggio cardiaco, corretto utilizzo dei DAE, disostruzione delle vie aeree). Le tre scuole, selezionate tra le oltre 40 che hanno partecipato, sono state scelte da IRC per la pertinenza e l’originalità delle idee proposte. I tre istituti saranno premiati da IRC con la consegna di tre DAE, resi disponibili dall’azienda Philips nell’ambito della campagna DAEfibrilla, realizzata insieme a IRC in occasione delle precedenti edizioni della settimana VIVA!.
I vincitori sono: la scuola primaria, Istituto Comprensivo Polo 3 di Galatina con il progetto “Ria(ni)miamo la nostra scuola” – gli studenti hanno disegnato una serie di manifesti per una campagna di comunicazione sul primo soccorso. In quello più rappresentativo, lo slogan concepito dai ragazzi recita: “Teniamoci stretto il cuore”;
la scuola secondaria di primo grado, Istituto Comprensivo Padre Vittorio Falsina di Castegnato (BS) con il progetto “La RCP oltre le barriere linguistiche” – gli allievi hanno realizzato numerosi disegni con messaggi in diverse lingue per sottolineare l’utilità dei DAE. Nel “manifesto” in francese si legge: “Tu cherches un DAE et tu trouve une vie”;
la scuola secondaria di secondo grado, Liceo Zingarelli Sacro Cuore Liceo Scientifico Federico II di Stornarella (FG) - con il progetto “Everyone can do it” – gli studenti hanno disegnato e scritto un fumetto che mette in scena in semplici vignette la corretta sequenza del primo soccorso con la chiamata al 118 o al 112 e il massaggio cardiaco Dal 12 al 18 ottobre IRC Italian Resuscitation Council (IRC) promuoverà la settimana VIVA! il cui cuore sarà il “World Restart a Heart Day” del 16 ottobre, giornata mondiale sulla rianimazione cardiopolmonare. Saranno portate avanti iniziative – soprattutto digitali e a distanza – finalizzate a promuovere la cultura e la formazione sul primo soccorso e sulle manovre salvavita come il massaggio cardiaco e l’utilizzo dei defibrillatori. In questa occasione IRC lancerà un appello per rendere obbligatoria la formazione sul primo soccorso nelle scuole e per insegnare agli studenti le manovre salvavita in caso di arresto cardiaco. L’obbligatorietà della formazione a scuola è uno dei punti chiave del disegno di legge sul primo soccorso che oggi è in discussione nella Commissione Igiene e Sanità del Senato, dopo aver già ottenuto il sì della Camera oltre un anno fa.
La settimana VIVA! ha il patrocinio di Sport e Salute spa, società del Ministero dell’Economia e delle Finanze votata alla promozione dello sport in Italia e, per il settimo anno consecutivo, del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI). Il 16 ottobre sarà la giornata mondiale sulla rianimazione cardiopolmonare, World Restart a Heart Day, promossa dall’International Liaison Committee on Resuscitation (ILCOR) che riunisce le società scientifiche mondiali specializzate nella rianimazione cardiopolmonare, tra cui IRC. Per l’occasione, IRC lancerà il video della mini-maratona realizzata da medici, infermieri, volontari del soccorso e semplici cittadini che, indossando una mascherina, mostrano un corretto massaggio cardiaco. L’obiettivo infatti è sottolineare che, anche in tempo di diffusione del coronavirus, si devono sempre soccorrere le persone colpite da arresto cardiaco, dopo essersi protetti con la mascherina.
Su questo argomento IRC aveva già realizzato linee guida per il primo soccorso sicuro insieme allo European Resuscitation Council (ERC) https://www.ircouncil.it/per-sanitari/linee-guida-erc-la-rianimazione-ca...
IRC (Italian Resuscitation Council) – Gruppo italiano per la Rianimazione Cardiopolmonare, nasce nell’ottobre del 1994 con lo scopo primario di diffondere la cultura e l’organizzazione della rianimazione cardiopolmonare in Italia. L’Associazione coinvolge medici di diverse discipline e infermieri attivamente impegnati nel settore della rianimazione cardiopolmonare intra ed extra ospedaliera. L’attività di IRC si integra con quella di analoghe associazioni italiane e straniere e in modo particolare con quella di European Resuscitation Council. Italian Resuscitation Council, nell’ultimo anno ha organizzato 10.000 corsi BLSD (Basic Life Support/Defibrillation) formando oltre 120.000 persone. Dal 2019 fa parte dell’elenco delle società scientifiche accreditate presso il Ministero della Salute. www.ircouncil.it

Mercoledì, 7 Ottobre, 2020 - 10:50