Nico Mauro

04.09.2016

Gentile direttore, il mio intervento è controcorrente e vuole manifestare umana pietà per quei falliti di Charlie Hebdo che hanno così chiaramente espresso il loro parere sulla catastrofe che si è abbattuta in Italia centrale. Lungi da me la condanna della satira e la messa in discussione del suo potere dissacratore. Ma


28.08.2016

Queste riflessioni hanno un limite: non traducono il silenzio ed il dolore che solo chi ha vissuto la tragedia del “naufragio di terra” (come racconta Erri De Luca) può con verità proporre. Non possono le mie parole rappresentare i sentimenti di chi, quale “naufrago”, è sopravvissuto o si è lentamente spento in un buio polveroso.


14.07.2016

C’è un punto in fondo a due binari, lungo quella prospettiva che tutti possiamo cogliere quando li fissiamo all’infinito, in cui tutto si conclude. Quel punto afferma che due linee parallele si incontrano. Contro ogni logica, quel punto racconta del nostro inconsapevole “fine corsa”.


04.07.2016

Caro Dino, vorrei condividere una mia riflessione in seguito ad una fugace ed “accaldata” visita a San Giovanni Rotondo.


21.05.2016
Osservazioni sull’incontro dibattito con Fausto Bertinotti

Per i primi sessanta minuti, ho sofferto ad ascoltare la storia del disfacimento della Repubblica Italiana, fondata sul lavoro. La prima Costituzione al mondo ad avere “il Lavoro” come principio fondante della convivenza civile si ritrova a vivere in una situazione storica in cui il lavoro è negato come diritto ed umiliato dal punto di vista retributivo e della gratificazione della efficienza e qualità.


27.03.2016

Giusto il tempo di asciugare un pensiero, il tempo di far assopire la memoria, di riconoscere la sera ed un nuovo fremito ci impaura. Dove è la morte? Sulle ruote d’un carrello, celata in uno zaino, cinta ai fianchi d’un uomo, riposta nella canna d’un fucile.


29.02.2016

Nichi Vendola, un esempio tra tanti, è diventato padre o madre. Ha affittato una donna, secondo un tariffario californiano prestabilito e le ha fatto procreare il piccolo T.A. (con tutela della privacy del bimbo). Non credo che abbia scelto particolari optional, come per le auto (aria condizionata, navigatore satellitare, sensori di parcheggio),


10.09.2015

Mio Figlio aveva un maglioncino rosso, lavorato a maglia dalle abili mani della nonna. Il giorno che gli fu donato, si smarrì in un sorriso dolcissimo che mi resta negli occhi. Fu di notte che decisi di partire, quando il tormento che mi attanagliava, si risolse nella decisione: avevo scelto dove andare, dove morire. Spiegai a tutti che ci saremmo imbarcati, alla ricerca di giorni nuovi in cui per morire bisognava prima vivere.


20.08.2015

Il giorno 12 Agosto, al termine della funzione religiosa il corteo funebre ha fatto sosta davanti al laboratorio di Pasticceria, al civico 17.  Ho visto Andrea scendere dal carro funebre, fare un inchino davanti alla vetrina del suo laboratorio e dire: Io vado, vi lascio il tempo.  Ecco  il vero dono, il vero lascito di Andrea Ascalone è stato il senso del tempo


18.01.2015
Grande successo della 'Notte nazionale del Liceo Classico' al 'Pietro Colonna' di Galatina

Per comprendere quanto sia riuscita l’iniziativa “Notte nazionale del Liceo Classico”, partiremo dalla conclusione: l’insostituibile Felice che, dopo la mezzanotte, è costretto a “staccare la spina” per costringere i ragazzi a concludere la serata ed andare a casa. È stata una festa: di creatività, di organizzazione, di competenze, di entusiasmo. Mai viste tante persone affollare il “Colonna”, dalle 18 alle 24 di un normale venerdì 16 gennaio.


05.11.2014

Ho ricevuto da Stefano Cucchi, una lettera di cui vorrei farvi partecipi: Mi chiamo Stefano Cucchi, ed ho disagio a farmi riconoscere con il volto della morte. La mia colpa di assuntore di droga m’inchioda alla croce. Io sono un’immagine pagana, la carne di un rito sacrificale.
Nel frastuono dei processi, io, Stefano Cucchi, sono l’ossicino da spolpare intorno al banchetto delle perizie, la disputa retorica di magistrati in cerca d’una verità. Quella che non posso più narrarvi, che non potete ascoltare.


13.08.2014

L’attimo del Capitano.
Click.
S’è fatto buio, ed ogni storia ha cessato di essere un film.


09.08.2014
Riscoprire Lucio Romano con la guida di Nico Mauro

Il 23 luglio scorso, nella Chiesa dei Battenti a Galatina, Nico Mauro ha aiutato i presenti ad "incontrare" Lucio Romano. Per sua gentile concessione pubblichiamo il suo intervento: "Siamo qui per ricordare Lucio o per incontrare Lucio? Io propendo per quest’ultima ipotesi, perché quando parliamo e leggiamo di poesia, non ricordiamo mai qualcuno, ma lo incontriamo. Questa sera proveremo un dialogo di-verso che ci permetterà di ritrovare la poesia di Lucio e ci permetterà di incontrarlo.


19.07.2014

Non potrete abbattere i mandorli
non potrete portare via la loro zolla,
qui resta la mia terra,
la mia terra che vi guarda
con le sua ciglia fiorite.


02.07.2014
Raggiunto l'obbiettivo dell'internazionalizzazione con espositori cinesi e africani

Anche quest’anno ho avuto il piacere di visitare  la Fiera campionaria di Galatina. ed ho trovato decisamente intelligente l’idea di spostare l’allocazione della stessa, per la 65^ edizione, dai periferici ed angusti padiglioni di Via Ippolito De Maria al più pertinente ed arioso Centro della Città.


03.06.2014
Aldo Bello, Rosario Coluccia, don Fedele Lazari, Lucio Romano. L'orgoglio di essere loro concittadini
Galatina. Premio Beniamino De Maria

Nel  giorno della Festa della Repubblica, Galatina  ritrova il proprio senso di comunità e vive una serata intensa, carica di contenuti ed emozioni. L’occasione  è stata l’assegnazione del premio Città di Galatina “Beniamino De Maria”. Il  riconoscimento a cadenza biennale, voluto da Giuseppe Garrisi nel  1990, aveva un vuoto di assegnazione per il periodo 1998 -2014.


20.04.2014

Quante ragioni abbiamo per chinare il capo? Questo mi sono chiesto osservando l’immagine delle due madri iraniane che si sono scambiate il loro dolore, in un abbraccio. Le ragioni della Pasqua  le troviamo nella quotidianità dei gesti di ognuno di noi.


07.02.2014

Coltivare la parola che muove all’essenziale. Ritrovare la memoria dei luoghi e delle cose nel mentre ogni passo ti conduce nei giorni comuni della tua vita ordinaria. Se scompaiono i poeti, restano i versi a vergare l’esistenza di coloro che non hanno paura di incontrare la vita, nella sua forza e nella sua debolezza.


02.11.2013

Qui si annulla la solitudine della luce
e le zolle informi lasciano lo sguardo
alle tracce di marmo.
E violo di memoria ogni parola
che segue un gesto, una preghiera.
Tra essere qui o altrove
c’è il tempo di un viale
Il rumore dei passi sulla ghiaia fina.
Dentro,  in fondo alla vita ritrovo l’odore
ed ogni andata diventa un ritorno.


09.10.2013
Se morire è una colpa, se vivere è una colpa, se nascere è una colpa, può accadere di trovare un euro per ricaricarsi il telefonino e negarlo invece alla propria coscienza

Ciao Dino. Ho letto e riletto le lettere di Pierluigi Serra ed Antonio M., e trovo nella loro straordinaria semplicità l’essenza della nostra epoca. Il mare di Lampedusa ha portato ovunque le sue onde, lasciando sommersi i corpi e sulla cresta le voci.  Siamo capaci di  ascoltare?


Pagine

Subscribe to Nico Mauro