Ricerca senza fine

09.12.2019
Progetto PAPER (PAPER ANALYSER FOR PARTICULATE EXPOSURE RISK)

Che l’inquinamento causato dal particolato atmosferico, ovvero dalle particelle di aerosol sospese nell’atmosfera, sia nocivo per la salute umana è tristemente noto da tempo. In Puglia c’è un dinamico team di scienziati che si dedica allo studio della correlazione tra la composizione chimica del particolato atmosferico, il cosiddetto PM, e i suoi effetti


06.12.2019

Hanno fatto un lungo viaggio le ventiquattro tavole di quercia trovate fortuitamente a Roma, durante i lavori per la Metro C in via Sannio (zona San Giovanni in Laterano), utilizzate per le fondamenta di un portico romano di epoca imperiale. A dirlo sono le indagini scientifiche condotte dall’Istituto per la bioEconomia del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibe) di San Michele dell’Adige (Trento)


30.11.2019

Si è tenuta ieri mattina, nel rispetto dei tempi stabiliti, la presa di servizio di 145 giovani ricercatori assunti dal Consiglio nazionale delle ricerche. L’età media di 36 anni, più bassa di circa due anni rispetto alla precedente tornata di assunzioni del 2016, contribuisce ulteriormente al ringiovanimento dell’Ente. La gran parte degli assunti ha conseguito il phd da


22.11.2019

Un nuovo metodo che, grazie a una particolare sonda ottica, utilizza la luce per registrare l’attività del cervello, e che promette d’essere un importante tassello per la diagnosi e il controllo di patologie cerebrali e per dispositivi medici di nuova generazione. Lo hanno messo a punto i ricercatori Ferruccio Pisanello (IIT - Istituto Italiano di Tecnologia) e Massimo De Vittorio


12.11.2019

Come fa il cervello a riconoscere i suoni delle lingue? Quando produciamo i suoni delle parole, i movimenti di lingua e labbra lasciano tracce nel segnale acustico che il cervello segue e interpreta in modo appropriato grazie all’accensione dinamica di gruppi specifici di neuroni. Lo hanno dimostrato i ricercatori del CRIL – Centro di Ricerca Interdisciplinare sul


04.11.2019
I sei ragazzi hanno inventato ZTC, una "spugna" che assorbe l'anidride carbonica a basse temperature per rilasciarla ad alte temperature

Nei giorni 19 e 20 ottobre 2019 si è svolto l’International Space Apps Challenge della Nasa. Giunta al suo ottavo anno, Space Apps è un hackathon internazionale dove i team si impegnano ad utilizzare i dati liberi e aperti della NASA per affrontare i problemi del mondo reale sulla Terra e nello spazio. Space Apps 2019 ha contato oltre 29.000 partecipanti distribuiti in più di 230 eventi


01.11.2019

L’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-In), in collaborazione con l’Istituto di biorobotica della Scuola superiore Sant’Anna e il Laboratorio europeo per le spettroscopie non-lineari (Lens), ha osservato la plasticità neuronale e vascolare, associata alla riabilitazione dopo un ictus, utilizzando una combinazione di tecniche ottiche in vivo e ex vivo. La ricerca, pubblicata


24.10.2019

Ha preso il via la 35a spedizione scientifica italiana in Antartide con l’apertura della stazione italiana “Mario Zucchelli” (MZS) sul promontorio di Baia Terra Nova. La campagna estiva durerà 4 mesi e ospiterà 250 partecipanti tra tecnici e ricercatori, italiani e stranieri, a supporto di 45 progetti di ricerca, alcuni presso altre basi antartiche. Quest’anno, per la prima volta, la base chiuderà il 20 marzo,


23.10.2019

La maggior parte delle straordinarie ed uniche peculiarità dell'acqua è dovuta alla sua struttura molecolare che forma una rete tridimensionale di legami idrogeno. In questo contesto, le tecniche spettroscopiche svolgono un ruolo fondamentale nel chiarire le proprietà chimico-fisiche del liquido più importante per la vita sulla Terra. Negli ultimi anni, le simulazioni numeriche al calcolatore


18.10.2019

Chi ne soffre sviluppa spesso bronchite cronica con successive bronchiectasie, accompagnate talvolta da sinusite cronica, poliposi nasale e otite. Sono solo alcuni dei sintomi della discinesia ciliare primaria (DCP), per frequenza, la seconda malattia congenita dell’apparato respiratorio dopo la fibrosi cistica: in Italia ad esserne colpito sarebbe un abitante su 15.000. Si manifesta soprattutto nel


30.09.2019

Il Cnao, Centro nazionale di adroterapia oncologica, è uno dei sei centri al mondo in grado di effettuare l’adroterapia con protoni e ioni carbonio, l’unico in Italia per ioni carbonio. A differenza della radioterapia convenzionale basata su raggi X, l’adroterapia è dotata di una maggiore efficacia radiobiologica sulla massa tumorale e di una maggiore capacità di colpire i tessuti malati, limitando la


29.09.2019

Una misura diretta del flusso di protoni cosmici fino a energie elevatissime, mai raggiunta con tale accuratezza da nessun apparato nello spazio: è l’ultimo, importante risultato ottenuto dai ricercatori impegnati nell’esperimento DAMPE (DArk Matter Particle Explorer), in orbita intorno alla Terra dal dicembre 2015. Tra questi, Paolo Bernardini e Giovanni Marsella del Dipartimento di Matematica e


17.09.2019

La sclerosi multipla è una malattia neurologica progressiva caratterizzata da infiammazione cronica del tessuto cerebrale e da lesioni alla guaina mielinica che avvolge i prolungamenti nervosi garantendone l’integrità e consentendo la trasmissione veloce dei segnali. E’ opinione comune che la microglia, le cellule immunitarie del sistema nervoso, contribuiscano al danno, esercitando un


04.09.2019

Gli epidemiologi ambientali dell’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ifc) di Pisa hanno studiato l’impatto sanitario della centrale ‘Tirreno Power’ di Vado Ligure (Savona), avviata nel 1970 e alimentata a carbone fino al 2014, quando la Procura della Repubblica di Savona ha fatto fermare gli impianti a carbone per ‘disastro ambientale doloso’. La ricerca ha


27.08.2019

Scavare è un comportamento tipico dell’uomo e di molti altri animali, incluse alcune specie che vivono prevalentemente sugli alberi. Chi non ha mai provato a scavare una buca, almeno da bambino? Ma quanti hanno sradicato dal terreno, a mani nude, un rizotubero, particolare radice dalla forma ingrossata? Uno studio sui cebi barbuti (Sapajus libidinosus), condotto da Valentina Truppa ed


11.08.2019

Nell'ultimo decennio, lo sviluppo di nuovi materiali ha portato alla creazione di dispositivi in cui anche la luce si comporta come un fluido quantistico, in alcune delle più intriganti manifestazioni della fisica quantistica - superfluidità, superconduzione e condensazione di Bose-Einstein - su scala macroscopica, ovvero in sistemi con migliaia di particelle. In un articolo pubblicato su Nature Photonics,


08.08.2019

Il gruppo di ricerca ‘NewPV’ dell’Istituto dei materiali per l'elettronica ed il magnetismo del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Imem) di Parma, ha sviluppato dei sistemi di alimentazione portatili basati sul fotovoltaico (PV) per la ricarica di utenze elettriche a bassa potenza. Le celle solari di alimentazione sono flessibili, e quindi applicabili anche su superfici curve come ad esempio quelle degli


07.08.2019

Negli ultimi quarant’anni l’atmosfera in Italia è diventata più limpida, e l’aria può considerarsi “più pulita”: queste le conclusioni a cui sono giunti un gruppo di ricercatori del Dipartimento di scienze e politiche ambientali dell'Università degli Studi di Milano e dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isac), pubblicate di recente su Atmospheric


05.08.2019

A dare l’allarme è la Vice Presidente dell’Associazione ATA-PC Lecce, Primula Meo, che da oltre 10 anni si occupa attivamente di salvaguardia dell'ambiente e protezione degli animali. Dopo aver ricevuto numerose segnalazioni da parte dei bagnanti che hanno avvistato il famigerato “Granchio azzurro” sulla riva delle spiagge di Torre Rinalda e Spiaggiabella, e conoscendo l'aggressività di


03.08.2019

Sono in esponenziale aumento gli esemplari di meduse che popolano i mari, un fenomeno dovuto a un mix di cause, prima di tutto la pesca intensiva. Anche in questi giorni se ne può avere prova lungo le coste del Salento, ma se la reazione principale è temere di venirne “punti”, ormai è tempo di cambiare prospettiva: le meduse sono il cibo del futuro. Lo assicura Stefano Piraino, professore di Zoologia e Biologia marina all’Università del Salento,


Pagine

Subscribe to Ricerca senza fine