Nico Mauro

10.10.2017
L'Assessore alle attività produttive ed al centro storico annuncia restrizioni al traffico nel centro antico di Galatina a partire dall'Immacolata

Gentile direttore, la chiusura del centro storico è questione annosa e riguarda oltre che la sensibilità di ognuno anche aspetti commerciali di non poco conto. Vorrei intanto ricordare che l’ordinanza Commissariale prevedeva alla data del 1 ottobre la totale riapertura al traffico del centro storico.


30.09.2017

L'Amministrazione comunale ha deliberato la regolazione dei nuovi orari di chiusura al traffico nella zona ZTL in vigore dall'1 ottobre al 7 dicembre 2017. A partire dall'1 ottobre sarà inibito l'accesso nel centro storico da lunedì a sabato dalle ore 22.30 alle ore 6.00 del giorno successivo.


01.07.2017

La scomparsa di Simon Veil ripropone la questione della memoria dell’olocausto e del dovere, direi perenne, di tenere l’attenzione sempre alta su quelle spinte nazionalistiche che, a tutte le latitudini, hanno creato dei totalitarismi. L’orrore della Shoah non ha eguali,


22.12.2016

Il viaggio di Giuseppe è iniziato. Tornerà ne sono sicuro. Sapremo aspettare il suo sorriso, lo scorgeremo dalle ante socchiuse delle nostre finestre, congedando i figli dal loro riposo, come fossero i suoi. Il suo tratto di strada è stato straordinario nella gioia, e nel dolore,


14.11.2016

Lungo la linea dell’orizzonte ognuno riesce a vedere i più straordinari disegni.


01.10.2016

“E’ bello quello che leggo, ma manca qualcosa. Ricorda che la via della croce non si conclude con la deposizione di Gesù, ma con la sua Resurrezione”. Eravamo seduti nella sagrestia della Chiesa del “Collegio” , avevo aspettato che sbrigasse i suoi uffici mattutini: indicazioni pastorali, l’ascolto dei suoi fedeli,


04.09.2016

Gentile direttore, il mio intervento è controcorrente e vuole manifestare umana pietà per quei falliti di Charlie Hebdo che hanno così chiaramente espresso il loro parere sulla catastrofe che si è abbattuta in Italia centrale. Lungi da me la condanna della satira e la messa in discussione del suo potere dissacratore. Ma


28.08.2016

Queste riflessioni hanno un limite: non traducono il silenzio ed il dolore che solo chi ha vissuto la tragedia del “naufragio di terra” (come racconta Erri De Luca) può con verità proporre. Non possono le mie parole rappresentare i sentimenti di chi, quale “naufrago”, è sopravvissuto o si è lentamente spento in un buio polveroso.


14.07.2016

C’è un punto in fondo a due binari, lungo quella prospettiva che tutti possiamo cogliere quando li fissiamo all’infinito, in cui tutto si conclude. Quel punto afferma che due linee parallele si incontrano. Contro ogni logica, quel punto racconta del nostro inconsapevole “fine corsa”.


04.07.2016

Caro Dino, vorrei condividere una mia riflessione in seguito ad una fugace ed “accaldata” visita a San Giovanni Rotondo.


21.05.2016
Osservazioni sull’incontro dibattito con Fausto Bertinotti

Per i primi sessanta minuti, ho sofferto ad ascoltare la storia del disfacimento della Repubblica Italiana, fondata sul lavoro. La prima Costituzione al mondo ad avere “il Lavoro” come principio fondante della convivenza civile si ritrova a vivere in una situazione storica in cui il lavoro è negato come diritto ed umiliato dal punto di vista retributivo e della gratificazione della efficienza e qualità.


27.03.2016

Giusto il tempo di asciugare un pensiero, il tempo di far assopire la memoria, di riconoscere la sera ed un nuovo fremito ci impaura. Dove è la morte? Sulle ruote d’un carrello, celata in uno zaino, cinta ai fianchi d’un uomo, riposta nella canna d’un fucile.


29.02.2016

Nichi Vendola, un esempio tra tanti, è diventato padre o madre. Ha affittato una donna, secondo un tariffario californiano prestabilito e le ha fatto procreare il piccolo T.A. (con tutela della privacy del bimbo). Non credo che abbia scelto particolari optional, come per le auto (aria condizionata, navigatore satellitare, sensori di parcheggio),


10.09.2015

Mio Figlio aveva un maglioncino rosso, lavorato a maglia dalle abili mani della nonna. Il giorno che gli fu donato, si smarrì in un sorriso dolcissimo che mi resta negli occhi. Fu di notte che decisi di partire, quando il tormento che mi attanagliava, si risolse nella decisione: avevo scelto dove andare, dove morire. Spiegai a tutti che ci saremmo imbarcati, alla ricerca di giorni nuovi in cui per morire bisognava prima vivere.


20.08.2015

Il giorno 12 Agosto, al termine della funzione religiosa il corteo funebre ha fatto sosta davanti al laboratorio di Pasticceria, al civico 17.  Ho visto Andrea scendere dal carro funebre, fare un inchino davanti alla vetrina del suo laboratorio e dire: Io vado, vi lascio il tempo.  Ecco  il vero dono, il vero lascito di Andrea Ascalone è stato il senso del tempo


18.01.2015
Grande successo della 'Notte nazionale del Liceo Classico' al 'Pietro Colonna' di Galatina

Per comprendere quanto sia riuscita l’iniziativa “Notte nazionale del Liceo Classico”, partiremo dalla conclusione: l’insostituibile Felice che, dopo la mezzanotte, è costretto a “staccare la spina” per costringere i ragazzi a concludere la serata ed andare a casa. È stata una festa: di creatività, di organizzazione, di competenze, di entusiasmo. Mai viste tante persone affollare il “Colonna”, dalle 18 alle 24 di un normale venerdì 16 gennaio.


05.11.2014

Ho ricevuto da Stefano Cucchi, una lettera di cui vorrei farvi partecipi: Mi chiamo Stefano Cucchi, ed ho disagio a farmi riconoscere con il volto della morte. La mia colpa di assuntore di droga m’inchioda alla croce. Io sono un’immagine pagana, la carne di un rito sacrificale.
Nel frastuono dei processi, io, Stefano Cucchi, sono l’ossicino da spolpare intorno al banchetto delle perizie, la disputa retorica di magistrati in cerca d’una verità. Quella che non posso più narrarvi, che non potete ascoltare.


13.08.2014

L’attimo del Capitano.
Click.
S’è fatto buio, ed ogni storia ha cessato di essere un film.


09.08.2014
Riscoprire Lucio Romano con la guida di Nico Mauro

Il 23 luglio scorso, nella Chiesa dei Battenti a Galatina, Nico Mauro ha aiutato i presenti ad "incontrare" Lucio Romano. Per sua gentile concessione pubblichiamo il suo intervento: "Siamo qui per ricordare Lucio o per incontrare Lucio? Io propendo per quest’ultima ipotesi, perché quando parliamo e leggiamo di poesia, non ricordiamo mai qualcuno, ma lo incontriamo. Questa sera proveremo un dialogo di-verso che ci permetterà di ritrovare la poesia di Lucio e ci permetterà di incontrarlo.


19.07.2014

Non potrete abbattere i mandorli
non potrete portare via la loro zolla,
qui resta la mia terra,
la mia terra che vi guarda
con le sua ciglia fiorite.


Pagine

Subscribe to Nico Mauro